Nella tua storia il Dono… di una Presenza che diventa Essenza

Greccio, insieme a Poggio Bustone e Fontecolombo, piccoli paesi della vale reatina, diventano teatro di memoria e terre abitate da un personaggio a noi caro: S. Francesco di Assisi, che arriva qui pieno di crisi, ma allo stesso tempo di vita; quella vita che diventa santa perché è stata una continua ricerca. Ma ricerca di cosa o di chi? È stato quello che abbiamo cercato di fare anche noi, gruppo di giovani provenienti da tutta Italia, insieme alle nostre “sentinelle”, come piace definirle a me: frati e suore francescani.

Lasciando le nostre città, le nostre case e le nostre sicurezze, per scoprire e accogliere alla maniera di Francesco, quel dono che abita la nostra storia e il nostro cuore. Ogni vita è storia, e ogni storia è memoria. E quanto è stato importante viaggiare dentro la nostra storia, magari ripercorrendo momenti importanti, episodi meno belli che ci hanno fatto male e che forse ancora oggi lasciano un po’ di amaro in bocca; presenze e/o assenze che hanno tracciato le vie profonde del nostro andare. Ed ecco che in questi giorni tutte le nostre storie attraverso il camminare, il mettersi in ascolto e la condivisione si sono riconosciute dono di un’unica presenza: dono di una presenza silenziosa e rispettosa nei confronti della nostra libertà, dono di una presenza “ingombrante” perché importante, dono di una presenza che non si impone ma ci propone di essere custodi e testimoni di una chiamata, che è tutta scritta nel nostro nome.

Tutto è racchiuso qui. Chi ti chiama ti ama e chi ti ama sceglie di affidarti un dono per la vita perché vede in te la grandezza di un mare profondo su cui gettare le reti per una pesca abbondante. Accorgendoti, alla fine, di essere tu stesso l’essenza di questa presenza, e che tutto questo lo puoi scoprire accogliendo lo sguardo di Dio nella tua vita. Ti basta sapere e ricordare che: “ Ciò che sei è un dono di Dio, ciò che sarai è il tuo dono a Dio.” (H.U.Von Balthasar)

Tia (Redattrice di “Tra Chronos e Kairos”)

Se hai trovato di tuo interesse questo articolo, dai un’occhiata al nostro archivio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...